Regolamento elettorale

Art. 1 Modalità di Elezioni

1.1 Le elezioni per il rinnovo dei membri Elettivi del Consiglio Direttivo, del Collegio dei Sindaci e del Collegio dei Probiviri, così come previsto dall’ art. 10 dello Statuto, si svolgono ogni 3 anni.

1.2 Sono eleggibili i Soci di cui all’ art. 6 dello Statuto che presentino la propria candidatura ad una delle cariche sopraindicate, sottoscrivendola e consegnandola in busta chiusa al Comitato Elettorale, secondo i tempi e le modalità dallo stesso stabiliti.

1.3 Per ciascun organo da eleggere, le votazioni avvengono a scrutinio segreto. I candidati alla carica di consigliere sono indicati in ordine alfabetico su due liste, una per i soci in servizio ed una per i soci pensionati. L’elettore esprimerà un’unica preferenza per ogni organo da eleggere: Consiglio Direttivo (9 membri), Collegio dei Sindaci (due candidati effettivi più uno supplente) e Collegio dei Probiviri (due candidati effettivi più uno supplente). Risultano eletti coloro che ottengono il maggior numero di voti.
In caso di parità di voti risulterà eletto il candidato, che senza soluzione di continuità, risulterà avere maggiore anzianità di iscrizione al CRAL.

Art. 2 Comitato Elettorale

2.1 Il Comitato Elettorale, eletto dal Consiglio Direttivo è formato da quattro membri effettivi più due supplenti, scelti fra i Soci che non ricoprono cariche sociali e non siano candidati alle elezioni.

2.2 Entra in funzione almeno due mesi prima della scadenza del Triennio in corso e deve attuare quanto gli compete entro 20 giorni prima dalla scadenza del Triennio in conformità a quanto prescritto dal presente regolamento.
Suoi compiti precisi sono:
a) fissare le date, gli orari e le sedi delle votazioni;
b) fissare le modalità di votazione;
c) emanare norme procedurali atte a salvaguardare la rappresentatività dei soci, tenendo presente che i pensionati dovranno essere rappresentati da un consigliere eletto tra i candidati della specifica lista dei pensionati;
d) informare i soci, mediante comunicati da affiggere agli albi murali, nelle varie sedi delle aziende del gruppo ENI S.p.A. sul territorio di Roma e provincia, e l’azienda stessa, delle prossime votazioni e fornire istruzioni a riguardo;
e) controllare la validità delle candidature e della qualifica di socio;
f) compilare la lista dei candidati;
g) pubblicare la lista suddetta, mediante comunicati da affiggere agli albi murali, nelle sedi di lavoro e avvisi da inserire possibilmente negli organi d’ informazione del Cral;
h) chiedere alle aziende e/o Divisioni del Gruppo ENI il permesso di usufruire dei locali scelti quali seggi elettorali fissi e seggi itineranti;
i) ottenere dagli Uffici del Personale delle aziende del gruppo ENI i permessi retribuiti per i lavoratori, chiamati a fungere da Presidente e da scrutatori nel seggio elettorale;
l) reperire materiale per le operazioni di voto (cabine, urne, schede, matite, ecc.);
m) informare i Soci dell’ esito delle operazioni di scrutinio che avverranno subito dopo il termine delle operazioni di voto, utilizzando tutti gli strumenti di comunicazione di cui al punto g);
n) tutte le delibere del Comitato Elettorale devono essere prese a maggioranza. Le delibere stesse, che devono essere verbalizzate e sottoscritte dall’intero Comitato, sono vincolanti per tutti i soci del Club.

Art. 3 Ricorsi

3.1 Relativamente alle modalità di effettuazione delle elezioni, alla presentazione e/o esclusione delle candidature ed alla proclamazione degli eletti, sono ammessi ricorsi da parte dei candidati interessati, da presentarsi al Comitato Elettorale, nel termine perentorio di 15 giorni dalla data della proclamazione degli eletti.
Il Comitato elettorale decide insindacabilmente sugli stessi ricorsi, entro 10 giorni successivi, dandone comunicazione scritta ai ricorrenti.